Cause e fattori di rischio del tumore alla prostata

Come avviene per qualsiasi neoplasia, non si conoscono le cause che provocano il tumore della prostata, ma sono stati identificati diversi fattori che sembrano associati al rischio di sviluppare la malattia.
Alcuni di essi, come l'età, la storia familiare e la genetica, sono fattori che non si possono modificare. Altri invece possono essere corretti per diminuire il rischio di andare incontro ad un tumore alla prostata, come la dieta, il peso corporeo, l'esposizione a sostanze tossiche o lo stile di vita.

Un fattore di rischio è qualsiasi cosa che influenza la probabilità di contrarre una malattia, compreso i tumori.1 Alcuni di questi fattori, come il fumo, si possono modificare a differenza di altri, come l'età o la genetica. La presenza di fattori di rischio non porta necessariamente ad ammalarsi di tumore (aumenta solamente la probabilità di contrarre la neoplasia), e, viceversa, ci sono casi di sviluppo di tumore in assenza di fattori di rischio.1

Quali sono i possibili fattori di rischio del tumore alla prostata?

  • L'età: dopo i 50 anni la possibilità di ammalarsi di tumore cresce rapidamente.1,2 Circa 6 casi su 10 di tumore alla prostata interessano gli uomini con età maggiore di 65 anni.
  • L'etnia: il tumore della prostate è più frequente negli uomini di origine Afro-Americana o Caraibica.1,2 In questi uomini il tumore della prostate viene diagnosticato quando è già in stadio avanzato. Al contrario, il tumore della prostata è meno frequente negli uomini di origine Asiatica e Ispanica.
  • La nazionalità: Il tumore della prostata è più comune nel Nord-America, Nord Est Europa, Australia o Caraibi, e meno comune in Asia, Africa, America Centrale e America del Sud.1
  • La storia familiare: avere un padre o un fratello con un tumore alla prostata raddoppia il rischio di sviluppare la malattia.1,2
  • La genetica: ci sono diversi geni le cui mutazioni sono associate al tumore alla prostata. Per esempio, mutazioni dei geni BRCA1 or BRCA2 sono associate al tumore del seno e dell'ovaio e possono aumentare il rischio di tumore alla prostate in alcuni uomini, in una piccola percentuale di essi.1,2
  • La dieta: un'alimentazione molto ricca di calcio, carne rossa, prodotti grassi, e povera di verdura e di frutta sembra si correlata ad un aumento di rischio di sviluppare la neoplasia.1,2
  • Il peso corporeo: sebbene non ci siano certezza assolute essere obeso o sovrappeso sembra essere associato ad un tumore alla prostata aggressivo.1
  • Il fumo: il legame tra fumo e rischio di tumore alla prostata è ancora da confermare.1
  • L'esposizione nell'ambiente di lavoro: sembra che i vigili del fuoco siano esposti a sostanze (prodotti tossici della combustione) che potrebbero aumentare il rischio di malattia.1 Anche i lavoratori agricoli, specie se a contatto con pesticidi, sembra abbiano un'incidenza o una mortalità per cancro della prostata significativamente più elevata della popolazione generale.3
  • Le infezioni sessualmente trasmissibili: queste malattie, come la clamidia e la gonorrea, causano un'infiammazione della prostata e potrebbero, quindi, potrebbero aumentare il rischio di sviluppare un tumore.1
Riferimenti in letteratura
  1. American Cancer Society (ACS). Learn about cancer. Prostate cancer. Disponibile su www.cancer.org
  2. Linee Guida AOIM Carcinoma della prostata. Edizione 2014. Disponibile su www.aoim.it
  3. Acquavella J, Olsen G, Cole P, Ireland B, Kaneene J, Schumann S, Holden L: Cancer among farmers: a meta-analysis. Ann Epidemiol. 1998;8:64-74

Il presente materiale non è promozionale di prodotto, non rivendica ne esplicita caratteristiche terapeutiche di farmaci GSK e come tale non ricade nell'ambito di applicazionedel D.Lvo n. 219/06. Le informazioni riportate non sostituiscono il parere del proprio medico di fiducia al quale ci si deve rivolgere.