Prostatite: cos'è?

Per prostatite si intende una serie di condizioni cliniche patologiche della prostata che vanno dall'infezione batterica a vere e proprie a sindromi di dolore cronico causate da diversi fattori, in cui la ghiandola della prostata è spesso infiammata. Circa il 2-10% degli uomini in età adulta soffrono di sintomi compatibili con la prostatite cronica.

Cos'è

Il termine prostatite indica serie di condizioni cliniche patologiche della prostata caratterizzate da dolore durante la minzione e l'eiaculazione o da dolore cronico alla vescica, perineo, testicoli e zone limitrofe. Si possono distinguere quattro tipi di prostatite:1

  • prostatite batterica acuta
  • prostatite batterica cronica
  • prostatite non batterica o sindrome dolorosa pelvica cronica
  • prostatite asintomatica infiammatoria

I diversi tipi di prostatiti si distinguono tra loro per la causa dell'infiammazione (prostatite batterica o non batterica) o in base al tempo in cui si manifesta (prostatite acuta o cronica).

Prostatite batterica acuta (PBA)

La PBA è una infezione acuta, accompagnata da stato febbrile, e sostenuta da batteri come l' Escherichia coli, che possono arrivare nella prostata risalendo il canale dove passa l'urina (uretra), oppure attraverso la via linfatica, che raccoglie liquidi e molecole dai tessuti e le immette nel sangue. La PBA può svilupparsi anche a causa delle complicanze di altre infezioni in organi vicini, come la vescica e l'uretra, in cui è il sangue a portare i batteri provenienti da questi organi nella prostata.1

Prostatite batterica cronica (PBC)

La PBC è un'infiammazione della prostata e del tratto urinario che si ripresenta nel tempo ed è causata sempre dallo stesso batterio.1 La prostatite viene definita cronica quando i sintomi si manifestano per almeno 3 mesi.2
La PBC può essere la conseguenza di una PBA non opportunamente curata, dovuta alla difficoltà di penetrazione degli antibiotici all'interno della prostata che comporta la sopravvivenza di una piccola quantità di batteri che causa la ricomparsa dell'infiammazione alla base delle prostatiti.
Solo nel 5-10% dei casi viene trovato l'agente che causa la prostatite durante gli esami di routine.2

Prostatite cronica di origine non batterica o sindrome dolorosa pelvica cronica (CNP/CPPS)

A differenza delle infezioni di origine batterica, la prostatite cronica non batterica è causata da un'infiammazione dovuta ad una serie di diversi fattori molto vari: ostruzione o scoordinazione dello svuotamento vescicale, traumi perineali, disfunzioni neuromuscolari del pavimento pelvico, malattie neurologiche come la depressione, fattori psicologici (ansia, stress, etc).

Prostatite asintomatica infiammatoria

Questa forma di infiammazione della prostata viene spesso diagnosticata esaminando i campioni (biopsie, materiale chirurgico o liquido seminale) che sono stati prelevati per motivi diversi dalla prostatite.

Quanto è diffusa?

Circa il 2-10% degli uomini in età adulta hanno sofferto di prostatite almeno una volta nella vita.1

La prostatite batterica compare più frequentemente negli uomini sotto i 35 anni. I sintomi associati alla prostatite portano nel 60% dei casi ad effettuare una visita medica, e la diagnosi di prostatite avviene più frequentemente da parte di uno specialista. Alcuni studi suggeriscono che la presenza di prostatite possa aumentare il rischio di ipertrofia prostatica benigna (IPB), sintomi delle basse vie urinarie o tumore alla prostata.1

Riferimenti in letteratura:
  1. John N. Krieger, Shaun Wen Huey Lee, et al. Epidemiology of prostatitis. Int J Antimicrob Agents. 2008 February; 31(Suppl 1): S85–S90.
  2. M. Grabe, R. Bartoletti, T.E. Bjerklund-Johansen, ET AL. Guidelines on Urological Infections. www.uroweb-org

Il presente materiale non è promozionale di prodotto, non rivendica ne esplicita caratteristiche terapeutiche di farmaci GSK e come tale non ricade nell'ambito di applicazionedel D.Lvo n. 219/06. Le informazioni riportate non sostituiscono il parere del proprio medico di fiducia al quale ci si deve rivolgere.